Stampaggio a freddo da filo
Stampaggio a freddo da filo

Profilo aziendale - Storia

IMP Pasotti staff Nicola Pasotti, Presidente con (da sinistra) Giorgio Pasotti, Amministratore Delegato e Marcello Pasotti, Consigliere.
I.M.P. si presenta attualmente come realtà leader internazionale nello stampaggio a freddo da filo, potendo contare su un know-how che si è sviluppato in tanti anni di storia. È infatti il 1954 l'anno di inizio attività dei fratelli Nicola e Pietro Pasotti, che vede il centro di attività familiare a Brescia, con lavorazioni di raccorderia tornita.

Gli anni successivi vedono un continuo ampliamento dei reparti di produzione dell'Azienda, che attualmente si estende su un'area di 30.000 mq. coperti e può contare su oltre 200 addetti. Protagonista nel proprio settore sin dagli esordi, partendo dalle tradizionali lavorazioni di torneria, l'Azienda è riuscita ad avviare il processo di formatura ed estrusione a freddo, utilizzando filo metallico.
Attualmente la produzione della I.M.P. verte sulla realizzazione in grandi serie di pezzi meccanici in acciaio, come raccordi, perni, boccole e pezzi di varie forme, anche complesse.

L'Azienda è specializzata nella tecnica della deformazione plastica degli acciai, ottenendo, con la collaborazione degli uffici tecnici dei suoi clienti pezzi finiti, o quasi, di solo stampaggio e raggiungendo, quindi, il compromesso ottimale tra la funzionalità e l'economicità dei pezzi stessi.

Questa tecnologia si è sviluppata con l'uso di macchine stampatrici a più stazioni che danno la più ampia possibilità produttiva di pezzi nelle forme più complesse ottenendo, in diversi casi, un pezzo che prima poteva risultare solo dall'assemblaggio di più componenti tra loro. L'impiego di impianti moderni e di personale tecnico qualificato ha permesso alla I.M.P. il conseguimento di obiettivi complessi, rappresentanti lo stimolo e l'ambizione dell'Azienda stessa.
La I.M.P. può certamente garantire su milioni di esemplari la costanza delle dimensioni, del grado di lavorazione, dell'omogeneità strutturale e un'ottimale resistenza meccanica, nonche' vantare l'assoluta competitività della propria componentistica, riconosciuta a livello mondiale.